Metadone a 9 anni: il bimbo lo ingerisce su invito di altri minorenni

In gravi condizioni il bambino che ha ingerito in queste ore, su ingannevole invito di alcuni ragazzi, una bottiglia di metadone. 

È finito in coma il bambino di nove anni di età che aveva ingerito del metadone su invito di altri minorenni. Alcuni ragazzi avrebbero convito il bimbo ad assaggiare, e poi a bere con tranquillità, l’oppioide sintetico all’interno di un contenitore spacciandolo per un’innocua bibita. Il metadone, utilizzato nel ramo della medicina, per combattere dipendenze da stupefacenti, avrebbe presto intaccato l’organismo del bimbo. I ragazzi in questione avrebbero detto lui che si trattava di un semplice “tè freddo“.

metadone bimbo ingerisce invito minorenni
Ambulanza (Ansa Foto)

Dopo aver ingerito il contenuto di una bottiglietta dalla letale essenza il bambino è stato poi ricoverato d’urgenza nell’ospedale pediatrico della città di Palermo. Una volta giunto sul posto il personale ospedaliero ha provveduto ad effettuare un salvataggio d’emergenza. E a procedere con i necessari accertamenti.

Metadone a 9 anni: il bimbo lo ingerisce su invito di altri minorenni

metadone bimbo ingerisce invito minorenni
Ambulanza (Ansa Foto)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Funerale di Elena, l’arcivescovo di Mascalucia “Non lapidiamo chi ha sbagliato. Non insegnate la violenza ai bambini”

Poco più tardi, all’interno dell’Ospedale Di Cristina si è avuta la conferma dell’inserimento della nociva sostanza nell’organismo del bimbo.

La preoccupazione dei genitori del piccolo è stata fin da subito elevatissima, specialmente per l’assurdità delle dinamiche che avrebbero condotto il bambino a finire in coma.

Al momento le Forze Dell’Ordine avrebbero fatto partire le indagini sull’accaduto per individuare l’identità di coloro che avrebbero invitato il piccolo a ingerire il contenuto della bottiglietta. Ad indagare sul posto i Carabinieri di Monreale.

Nel frattempo, con il passare delle ore, le condizioni di salute del piccolo avrebbero iniziate leggermente a stabilizzarsi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Escursionista scomparso durante una vacanza: finiscono drammaticamente le ricerche

Ora non resterebbe che attendere un ulteriore e decisivo miglioramento delle sue condizioni. E che il bambino possa uscire quanto prima dalla prognosi riservata e dall’ospedale in cui si trova per la gioia dei suoi genitori. Forse sarà lui stesso a raccontare presto nei dettagli, alle autorità quanto alla sua famiglia, ciò che accaduto in queste ultime ore.