Arrestato lo stalker di Marialuisa Jacobelli: “Una costante ossessione”

Uno stalker a tutti gli effetti. E’ finito in manette l’uomo che, dopo aver perso la testa per la conduttrice, la ossessionava con continui contatti. 

Si tratta di un incubo che durava da mesi. Marialuisa Jacobelli, conduttrice di Dazn e figlia dell’ex direttore di Tuttosport Xavier Jacobelli, riprende a vivere serenamente. E’ accaduto oggi quando lo stalker che importunava la giovane conduttrice, un uomo di 52 anni, è stato arrestato in Francia dopo le ripetute ricerche.

arrestato stalker Marialuisa Jacobelli
(Foto Pixabay)

Per Marialuisa Jacobelli si tratta della fine di un incubo. E’ finito in manette Francesco Angelini, 52 anni, che dall’inizio dell’anno non dava pace alla conduttrice. “Un clima di terrore”, come l’ha definito lei stessa e come riporta Leggo, che oltre alla violenza verbale erano aggiunte minacce di morte e di violenza fisica e psichica. Il tutto nasce perchè Jacobelli aveva avuto con l’uomo una breve relazione alla quale lui non si era rassegnato.

“Continui e numerosissimi contatti con la vittima”: in manette l’uomo ossessionato da lei

arrestato stalker Marialuisa Jacobelli
@marialuisajacobelli – Instagram

Lo aveva denunciato il 17 giugno, proprio perchè date le continue ed insistenti richieste di contatto, la conduttrice era stata costretta a cambiare casa e non pubblicare più foto o video sui social personali “per paura di essere localizzata”, come riporta Leggo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >  Federica Sciarelli, suo figlio lo avete mai visto? Tutto su Giovanni Maria (uguale alla mamma)

Si tratta di un caso di stalkeraggio in piena regola. L’uomo, Francesco Angelini non si sarebbe mai arreso all’idea che la storia con Marialuisa Jacobelli fosse finita. La ragazza, all’attivo con 1,5 milioni di followers sui social network ha oggi finito di patire un incubo durato tanti mesi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Eros Ramazzotti esce allo scoperto: il commento social per LEI dice tutto: “A**ona”

Secondo quanto riporta Leggo, l’ordinanza dei giudici parla di “continui e numerosissimi contatti con la vittima”,  di “messaggi ripetuti e sempre mortificanti”. Una “costante ed ossessiva volontà di conoscere movimenti e frequentazioni”. E’ finito in manette Francesco Angelini, ora in carcere con l’accusa di stalking e dopo l’inchiesta che è stata guidata dal pm milanese Pasquale Addesso e sull’ordinanza del Gip Livio Cristofano.