Vincenza Tortora, uccisa dal marito geloso. Tragedia a Somma Vesuviana

Vincenza Tortora uccisa 16 luglio 2021
Vincenza Tortora (Facebook) – YESLIFE.IT

Ha ucciso brutalmente la moglie Vincenza Tortora di 63 anni, e ridotto in fin di vita l’uomo che pensava fosse il suo amante. 

di Arianna Babetto

03 dicembre 2022

Vincenza Tortora, chi era la vittima uccisa il 16 luglio 2021

Vincenza Tortora, 63 anni, gestiva un supermercato di via Marigliano a Somma Vesuviana con il marito 70enne Francesco Nunziata. Un lungo matrimonio il loro, costellato però dalla costante gelosia dell’uomo che più volte aveva additato la consorte come fedifraga. Lo pensava anche i mesi precedenti l’omicidio di Vincenza. Credeva infatti che la moglie lo tradisse con Francesco Gifuni, un fornitore 46enne di latticini di Santa Anastasia (Napoli) che portava la merce proprio nel supermercato di Vincenza.

Vincenza Tortora uccisa 16 luglio 2021
Luogo omicidio Somma Vesuviana (@vesuviolive.it) – YESLIFE.IT

Gli articoli più letti di oggi

Vincenza Tortora, il marito ha registrato un audio della lite

Nunziata era convinto che Vincenza avesse una relazione extraconiugale con il giovane Francesco, quindi, ha premeditato l’aggressione all’uomo chiedendogli appositamente di recarsi nel parcheggio del supermercato quel 16 luglio. Con sè aveva un registratore per salvare la presunta confessione e un coltello. La colluttazione che ne è scaturita però ha portato al ferimento del fornitore e la morte di Vincenza uccisa con diverse coltellate alla gola. Sul registratore sono rimaste quindi impresse solo le urla strazianti di quel momento e nulla di più, come poi hanno scoperto gli inquirenti.

Nunziata si costituisce ai Carabinieri, per lui l’aggravante della premeditazione

Il 70enne dopo l’omicidio della moglie, si era nascosto presso la loro casa a Ottaviano, in provincia di Napoli, recandosi però nella vicina Caserma dei Carabinieri il giorno seguente costituendosi volontariamente.

Carabinieri ambulanza foto
Carabinieri (Foto dal web) – YESLIFE.IT

Scattano le manette per il killer di Vincenza Tortora

Il marito di Vincenza Tortora fu accusato dal Tribunale di Napoli di “omicidio volontario, tentato omicidio e porto abusivo di arma“.‍ Il Giudice per le indagini preliminari convalidò subito l’arresto al termine dell’interrogatorio di garanzia in Caserma e ne dispose il fermo in carcere in attesa della sentenza.