Aggiornamento Protezione Civile, bollettino del 29 aprile: oltre 2mila guariti

La Protezione civile, nella giornata di oggi mercoledì 29 aprile ha diramato il bollettino in merito ai numeri dell’epidemia da Covid-19 in Italia.

Protezione Civile bollettino
(Getty Images)

Stando ai dati diffusi nel consueto bollettino del Dipartimento della Protezione Civile di oggi relativo all’epidemia da Covid-19, calano i soggetti attualmente positivi, ad oggi 104.657548 in meno rispetto a ieri. In calo anche i pazienti ricoverati in terapia intensiva 1.795, con un decremento di 68 soggetti. Purtroppo si sono registrati nelle ultime 24 ore 323 decessi che portano il bilancio complessivo a 27.682. Sono, invece, 71.252 i pazienti guariti2.311 in più rispetto a ieri. Infine, il complessivo numero di persone risultate positive al virus dall’inizio dell’emergenza è salito a 203.591, con un incremento rispetto a ieri di 2.086 unità.

Protezione Civile: il bollettino dell’epidemia da Covid-19 in Italia nella giornata di martedì 28 aprile

Covid-19
Covid-19 (Getty Images)

Il Dipartimento della Protezione Civile nella giornata di ieri ha reso noto che le persone contagiate erano 201.505. Il numero totale dei positivi era di 105.205608 in meno rispetto a lunedì. Purtroppo cresciuto risultava il numero dei deceduti: raggiunto ieri il bilancio complessivo di 27.359. I pazienti guariti erano in totale 68.941.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Aggiornamento Protezione Civile: prosegue il calo dei pazienti in terapia intensiva

Protezione Civile, bollettino: l’aggiornamento sui numeri del Covid-19 di lunedì 27 aprile

Il commissario per l’emergenza Angelo Borrelli nella giornata di ieri ha comunicato che i casi positivi erano saliti a 105.813, ossia 290 in meno rispetto a domenica. In 24 ore si erano registrati 333 decessi che avevano portato il bilancio totale a 26.977. Saliti anche i pazienti guariti che erano 66.624. Dall’inizio dell’emergenza a ieri, i soggetti risultati positivi al coronavirus erano 199.414.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Aggiornamento Protezione Civile: tornano in calo gli attualmente positivi

Fase 2, nuovo esodo dal Nord verso il Sud: mezzi di trasporto presi d’assalto

Un nuovo esodo da Nord al Sud potrebbe verificarsi in concomitanza con l’inizio della Fase 2 dell’emergenza coronavirus in Italia. Nonostante le immagini che mostravano le stazioni di Milano prese d’assalto la sera del 7 marzo alla vigilia dell’entrata in vigore del lockdown indignando il Paese intero, sembra la storia possa ripetersi.

Come riporta la stampa locale e la redazione de Il Mattino, difatti, i mezzi di trasporto per il 4 maggio della tratta Milano-Napoli sono già quasi sold out. Treni, autobus ed i pochi aerei disponibili (solo Alitalia ha attiva la tratta) in partenza dal capoluogo lombardo a quello campano sono già quasi del tutto pieni, tanto che Trenitalia ha annunciato un raddoppio dei convogli per garantire i posti, ma soprattutto le misure di sicurezza durante il viaggio.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Fase 2, nuovo esodo dal Nord verso il Sud: mezzi di trasporto presi d’assalto

Ilaria Capua ed il virus nei bambini: la virologa lancia un avvertimento

bambini pare che al momento siano una categoria risparmiata dal virus, o meglio non colpiti in maniera aggressiva, questo quanto affermato nell’incipit del proprio intervento alla trasmissione DiMartedì dalla nota virologa Ilaria Capua. Una circostanza che sin dall’insorgenza dei primi casi di Covid-19 ha destato l’attenzione degli esperti.

Tale particolare modus agendi del virus di non aggredire i bambini, però, non deve far accomodare gli esperti, aggiunge la dottoressa Capua intervistata da Giovanni Floris. È possibile che “domani” possa verificarsi una netta inversione ed i bambini diventino vittime. Un’eventualità a cui non bisogna farsi trovare impreparati ribatte la virologa.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>Ilaria Capua ed il virus nei bambini: la virologa lancia un avvertimento

Il ministro Spadafora: “Sentiero per la ripresa della Serie A sempre più stretto”

Dall’annuncio del Presidente del Consiglio in merito alla Fase 2 dell’emergenza in Italia, durante il quale è stata confermata la possibilità per le società di riprendere gli allenamenti dal 18 maggio, si sono alimentati i dubbi sul destino della Serie A. Ad oggi, con 12 giornate più alcuni recuperi da disputare, non si ha una data certa per ritornare in campo, mentre alcuni campionati come Francia ed Olanda hanno già annunciato la chiusura definitiva della stagione. Sulla ripartenza ha rilasciato nuove dichiarazioni il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, intervistato stamane durante la trasmissione Omnibus in onda su La 7. Spadafora ha spiegato che sono in corso dei contatti tra il comitato tecnico scientifico e la Figc per capire il da farsi.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>Il ministro Spadafora: “Sentiero per la ripresa della Serie A sempre più stretto”

La lista delle fake news smentite dal Ministero della Salute: alcune superano la follia

In un momento delicato come quello attuale, dove sono in molti gli italiani attanagliati da dubbi ed incertezze, c’è chi trova il tempo di aggravare un già drammatico quadro. Come? Diffondendo in rete false informazioni sul virus. Per contrastare il fenomeno è sempre più incalzante l’attività di controllo e di smentita del Ministero della Salute. Quest’ultimo, sul proprio sito istituzionale, ha riportato un elenco di ben 47 fake news rinvenibili sul web relative al virus.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>La lista delle fake news smentite dal Ministero della Salute: alcune superano la follia


Per ognuna, come sta accadendo dall’inizio dell’epidemia, è stata effettuata una disamina e spiegato il motivo per cui sarebbero solo fonte di disinformazione.