Serie A, il ministro Spadafora fa retromarcia

Serie A, dopo le dichiarazioni roventi degli ultimi giorni sulla ripresa retromarcia del ministro dello Sport Vincenzo Spadafora che corregge il tiro

Covid-19 Serie A Spadafora
Il ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora (Getty Images)

Dopo le polemiche dei giorni scorsi, improvvisa retromarcia del ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, sulla ripresa del campionato di Serie A. Ospite della trasmissione ‘Frontiere’, su Rai Uno, di ieri sera, ha aperto alla possibile ripartenza e alla conclusione regolare del torneo. Dichiarazioni in netta controtendenza con quelle espresse fino a questo momento.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Serie A, il nuovo piano per la ripresa: si gioca tutti i giorni!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Spadafora: “Ripresa del campionato? Per ora non se ne parla proprio”

Serie A, Spadafora apre alla ripresa: “Soluzione entro la settimana”

Il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora
Il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora durante la trasmissione Omnibus (screenshot)

“L’apertura agli allenamenti individuali è arrivata anche su mia richiesta al comitato tecnico e scientifico, dopo aver ascoltato le esigenze manifestate dai territori – ha spiegato – La questione del calcio troverà un’intesa entro questa settimana, credo ci sarà l’accordo finale sul protocollo. Mi auguro naturalmente che il campionato riprenda, non farlo per un ministro dello Sport sarebbe surreale. Se ho usato certi toni in questi giorni è per rispondere alle pressioni di chi voleva che decidessimo subito, ma non possiamo farlo”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Serie A, l’allarme: “Lo stop significherebbe la morte del calcio”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Serie A, il premier Conte contro il ministro Spadafora

Serie A Var calcio e coronavirus Spadafora
Stadio San Siro (foto dal web)

“Si deve ripartire, ma in sicurezza – ha aggiunto – Se vedessimo che non ci sono le condizioni, saremo noi a fermare il calcio”. Sul ‘Corriere della Sera’ di oggi, sono arrivate poi ulteriori precisazioni: “Il protocollo dovrà definire la sicurezza di centinaia di persone oltre ai calciatori, soprattutto nell’ottica degli spostamenti delle squadre. Entro metà maggio potremo avere un quadro più chiaro. Io non demonizzo il calcio, ma in questo momento la maggioranza degli italiani non vede di buon occhio la ripartenza del campionato”.

Impostazioni privacy