Pacco bomba a Confindustria, preso di mira uno dei presidenti

Un pacco bomba a Confindustria indirizzato a Giuseppe Pasini, presidente degli industriali bresciani e dell’azienda Feralpi Group

Pacco bomba a confindustria
Giuseppe Pasini (foto dal web)

Un pacco bomba anonimo è arrivato dritto nella sede della Feralpi Group indirizzato a Giuseppe Pasini, presidente degli industriali bresciani e dell’azienda siderurgica di Lonato del Garda, in provincia Brescia.

All’interno del pacco, poco più grande di un foglio di carta A4 e di colore rosso, era inserito un detonatore e della polvere da sparo che compongono un congegno rudimentale, che secondo le prime indiscrezioni, probabilmente non sarebbe scoppiato, ma che ha seminato il panico in azienda.

LEGGI ANCHE -> Artigiano 66enne una settimana prima di morire: “Sarò lì al vostro momento”

Pacco bomba a Confindustria, ancora nessuna rivendicazione

polizia
Polizia (Getty Images)

Il gesto ha le tinte di una vera e propria intimidazione che nessuno per il momento ha ancora rivendicato, secondo quanto riporta il giornale di Brescia.

Nonostante questo la Prefettura ha messo sotto scorta Pasini, uno degli imprenditori più in vista non solo della zona ma anche del circuito a livello nazionale.

LEGGI ANCHE ->  Usa, ragazza 19enne uccisa da un amico: colpo di pistola partito per errore in casa

Non è la prima volta che Confindustria viene presa di mira. Solo a giugno la Prefettura aveva messo sotto protezione Marco Bonometti, anche lui bresciano, e presidente di Confindustria Lombardia. A lui erano stati indirizzati due proiettili consegnati nella sede di Confindustria di Bergamo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.