Il sommacco siciliano, cos’è e come si usa questa spezia benefica per l’organismo

Il sommacco siciliano, una pianta incredibilmente bella, il cui frutto è una spezia che viene usata nella cucina mediterranea e medio orientale per condire piatti molto celebri e succulenti come il kebab. Non solo, il sommacco siciliano è una spezia particolarmente benefica per l’organismo grazie al suo potere antiossidante.

sommacco
Il sommacco è una pianta dalla quale si ricava una spezia ottima in cucina ma anche molto buona per il benessere dell’organismo. (Foto di Manfred Richter da Pixabay)

In questo articolo ti spiegheremo cos’è, da dove viene e qual è la storia del sommacco siciliano e ti mostreremo anche come potrai utilizzarlo in cucina, per arricchire i tuoi piatti, e per preparare una bevanda miracolosa contro il mal di stomaco.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Come usare l’anice stellato, alleato del benessere e profumato in cucina

Cos’è il sommacco siciliano e qual è la sua storia

sommacco
Il sommacco o sumac è una spezia dal sapore agrumato che si ottiene da una pianta originaria dell’Europa meridionale e del Medio Oriente (Foto di WikimediaImages da Pixabay)

Il sommacco siciliano il cui nome scientifico è “Rhus coriaria” è una pianta appartenente alla famiglia delle Anacardiaceae.

Si tratta di un arbusto che può raggiungere altezze fino a tre metri con foglie pennate,  fiori di colore giallo-verdastro riuniti in pannocchie. Fiorisce in maggio-agosto. I frutti dai quali poi si deriva la polvere che è una spezia sono rosso-bruni, velenosi se consumati freschi.

In Italia, il sommaco è presente nel Sud dal livello del mare sino fino a 800–1000 m di altitudine, spesso come relitto di antiche colture. In Sicilia è diffusa specialmente nelle province di Palermo e di Trapani.

Ma questa specie è diffusa anche in Europa meridionale, in Medio Oriente e in Nord Africa. Il sommacco era già noto agli Egizi e ai Greci che lo impiegavano come mordente della tintura dei tessuti cui conferiva una gamma di belle tonalità dal verde all’azzurro.

Veniva utilizzato infatti in cucina fin da epoca romana impiegando le drupe mature seccate grattugiate sui cibi oppure infuse nell’acqua, che gli conferivano un gusto acidulo, più delicato del limone.

Tuttavia, la diffusione e la fortuna del sommacco in gastronomia si debbono alla cucina araba medievale che ne faceva un largo uso. Infatti, il termine sommacco deriva dall’arabo “summāq” cioè un piatto complesso dell’alta cucina islamica.

Oltre a essere una spezia molto comune in Sicilia, il sommacco è usato da libanesi e siriani per insaporire il pesce. In Iraq e Turchia viene aggiunto alle insalate mentre gli iraniani vi condiscono il kebab.

In Sicilia il sommacco è usato per insaporire zuppe di lenticchie, ripieni per il pollo e salse di yogurt. Con il timo e il sesamo forma la miscela impiegata nel Nordafrica, in Turchia e in Giordania come condimento delle carni.

Il sommacco è profondamente legato all’antica ricorrenza persiana del “Nawruz”. Questa festa, ancora oggi molto sentita in Iran e in altre nazioni del Medio Oriente, ha origini antichissime.

Ogni anno, circa tre settimane prima dell’equinozio di primavera, migliaia di persone si preparano alla celebrazione. Dopo aver pulito a fondo le loro case viene allestito uno spazio sul quale espongono sette alimenti che iniziano con la lettera “S” e tra queste, c’è anche il sommacco.

Nella stessa area una tisana di sommacco è considerata ancora efficace rimedio contro i disturbi gastrointestinali. Infine, un tempo dalla corteccia e dalle foglie della pianta si estraevano i tannini impiegati in tintoria e nel processo di concia delle pelli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Come usare la curcuma in cucina, tutte le proprietà di una spezia miracolosa

Le proprietà benefiche per l’organismo del sommacco siciliano

colon
Il sommacco è perfetto in caso di colon irritabile ma si tratta anche di un potente anti ossidante (Foto di Alicia Harper da Pixabay)

La Rhus coriaria, come vi abbiamo già spiegato, è l’unica specie di Rhus che può essere impiegata come alimento, adottando alcuni accorgimenti perché i frutti di tutte le varietà di Rhus sono infatti tossici quando vengono consumati freschi.

Per evitare questo problema, i frutti della Rhus coriaria o sommacco siciliano vengono raccolti poco prima della maturazione e lasciati essiccare affinché perdano completamente la loro tossicità.

Macinando i frutti del sommacco si ottiene una polvere molto pregiata e delicatamente profumata di limone usata per insaporire piatti a base di pesce e di carne ma anche per preparare tisane e decotti benefici per l’organismo.

Il sommacco contiene acqua, proteine, fibre, carboidrati, ceneri, grassi ed olio essenziale in cui si trova la maggior parte delle sostanze con proprietà terapeutiche. Si tratta di una buona fonte di minerali e contiene fosforo, potassio, rame, ferro, zinco, magnesio, calcio e sodio.

Il sommacco ha proprietà anti ossidanti vista la sua presenza di acido gallico molto utile a combattere i danni causati dai radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare. Così il sommacco può aiutare a prevenire diverse malattie.

Questa pianta è stata molto studiata nel tempo. I risultati hanno evidenziato l’altissima presenza di polifenoli. In seguito ad altre ricerche su questa spezia gli studiosi hanno ottenuto risultati positivi nell’abbassamento dei livelli di glucosio, principale colpevole del colesterolo cattivo.

In più, la polvere di sommacco ha delle proprietà antibatteriche e tradizionalmente questa veniva impiegata per risolvere disturbi gastrointestinali veniva assunto dunque per curare il normale mal di pancia.

Non è semplicissimo trovare il sommacco. In Sicilia è una spezia molto comune e si trova presso i negozi di alimentari ma nel resto d’Italia può essere acquistato nelle erboristerie più fornite o nei negozi specializzati online e il prezzo è di circa 50 euro al chilo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Come usare il coriandolo in cucina e quali sono le sue proprietà benefiche

Il sommacco siciliano in cucina, piatti antichi e moderni

barbecue
Il sommacco grazie al suo sapore delicato e leggermente agrumeto è perfetto da utilizzare con le carni, specialmente quelle di agnello (Foto di Andre Koch da Pixabay)

Il sommacco può essere utilizzato in polvere per insaporire fantastici piatti a base di pesce e di carne capace di dare un sentore agrumato.

Qui ti spiegheremo come realizzare un menù per valorizzare in modo speciale questa spezia e fare un figurone con i propri amici a cena.

  • Humus di ceci con cumino e sommacco. Questa è una ricetta conosciuto in tutto il mondo. Si tratta di una crema a base di ceci molto delicata e perfetta per fare degli aperitivi sfiziosi accompagnandola con sedano, carote crude o grissini. Inizia subito mettendo a mollo i ceci in acqua la sera prima insieme con una foglia di alloro. Il giorno dopo sgocciola i ceci e mettili in una pentola. Coprili con acqua fresca e portarli ad ebollizione. Metti il coperchio sulla pentola e falli sobbollire per circa 90 minuti finché i ceci diventeranno morbidi. Scolali conservando l’acqua di cottura. Metti i ceci in un frullatore, aggiungi dell’olio extra vergine di oliva, il succo di mezzo limone, un pizzico di cumino, il sale ed il pepe. Aggiungi l’aglio schiacciato e frulla il tutto fino ad ottenere una crema morbida. Se risulta troppo asciutta aggiungi un po’ d’acqua di cottura. Infine, metti la crema in una scodella e fai una spolverata di sommacco. Accompagna l’humus con delle verdure fresche, dei grissini o delle patatine di mais.
  • Totani con cipolle rosse di Tropea, sommacco e timo. Questo è un secondo piatto molto gustoso e dal sapore medio orientale che lascerà i tuoi ospiti molto contenti e appagati. Inizia subito pulendo le cipolle rosse di Tropea e tagliale a fettine. In una casseruola metti una dose generosa di olio extra vergine di oliva, un rametto di timo e uno spicchio d’aglio. Metti anche le cipolle e accendi il gas coprendo il tutto con un coperchio e facendo stufare le cipolle. Nel frattempo pulisci i totali, lavali e tagliali a pezzetti. Inseriscili nella casseruola insieme con dei pomodorini datteri, olive nere denocciolate e capperi dissalati. Fai cuocere e verso la fine aggiungi il sale, il pepe nero e il sommacco. Infine sfuma il tutto con del vino bianco e fai evaporare per bene. Quando il sugo si sarà rappreso i totani saranno pronti. Servili in un piatto fondo con dei crostini di pane di segale.
  • L’insalata libanese Fattoush. Si tratta di un’insalata molto sfiziosa a base di pane pita e verdure. E’ un piatto veramente molto semplice da preparare. Inizia subito mettendo la pita a tostare in una padella anti aderente e poi spezzettata quando sarà ben abbrustolita. Nel frattempo monda i cetrioli e tagliali a pezzetti insieme con dei pomodori dolci. Taglia a fettine una cipolla dolce e i peperoni a cubetti. Metti le verdure in un piatto fondo molto capiente e regola di sale, pepe e aggiungi due cucchiai di olio extra vergine di oliva di buona qualità. Infine, aggiungi alle verdure dell’aglio tritato oppure solo tagliato a metà, il succo di un limone, del prezzemolo fresco tritato o in alternativa del coriandolo, qualche foglia di menta fresca, un cucchiaino colmo di sommacco in polvere e gira per bene il tutto. Infine aggiungi i pezzi di pita tostati e servi la tua insalata dal sapore medio orientale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —>  Come usare il cardamomo, la spezia orientale che sta spopolando anche in Europa

La tisana o il decotto al sommacco per combattere i segni del tempo

tisana
La tisana al sommacco può essere un rimedio infallibile contro il gonfiore addominale e un ottimo anti infiammatorio (Foto di StockSnap da Pixabay)

Il sommacco, questa antica e preziosa spezia, può essere utilizzata anche nella preparazione di tisane e decotti dai poteri anti ossidanti e calmanti. Infatti, secondo alcune credenze medio orientali il sommacco aiuta a calmare i dolori mestruali.

Preparare una tisana al sommacco è molto semplice. Come prima cose devi procurarti questa spezia e unirla in un filtro per tisane insieme con fiori secchi di camomilla. Metti a bollire l’acqua e quando arriverà a ebollizione spegni il gas e metti in infusione le erbe.

Copri il pentolino con un coperchio e lascia riposare la bevanda per venti minuti circa. Quando sarà trascorso quel tempo puoi bere la tisana. Se preferisci, ti consigliamo di dolcificare la tisana con del miele di acacia. Evita lo zucchero bianco raffinato.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Le controindicazioni di un uso eccessivo del sommacco

mal di pancia
Il consumo smodato ed eccessivo di sommacco può irritare l’intestino e dare fastidiosi bruciori (nastya_gepp/pixabay)

Come abbiamo già detto il sommacco può essere altamente tossico se consumato prima dell’essiccazione. Infatti, è proprio per questo che le bacche vengono lasciate seccare al sole e poi macinate.

Il sommacco, tuttavia, è una spezia benefica se consumata in modo morigerato. Se al contrario viene assunto in grandi quantità il sommacco presenta delle controindicazioni tra cui intossicazione, delirio, vertigini, danni al sistema renale e gastrointestinale.

Infine, consigliamo di evitare l’assunzione di sommacco durante la gravidanza e l’allattamento. Nei soggetti particolarmente allergici consigliamo invece di consultare il proprio medico di base.