Covid-19, il bollettino dell’11 giugno: 1.901 nuovi casi e 69 decessi

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi venerdì 11 giugno, ha comunicato i numeri dell’epidemia da Covid-19 in Italia tramite bollettino.

Bollettino coronavirus mappa regione
(Ministero della Salute)

Diffuso il bollettino sull’epidemia da Coronavirus nel nostro Paese. Stando ai dati odierni del Ministero della Salute, i casi di contagio dall’inizio dell’emergenza sono 4.241.760 con un incremento rispetto a ieri di 1.901 unità. Prosegue il calo dei soggetti attualmente positivi pari a 165.239 (-4.070) e dei pazienti ricoverati in terapia intensiva che ammontano a 597 (-29). I guariti sono 3.949.597, ossia 5.893 in più rispetto a ieri. Purtroppo continua ad aggravarsi il bilancio delle vittime con 69 decessi registrati nelle ultime 24 ore che hanno portato il totale a 126.924.

La regione Abruzzo, si legge nelle note, ha eliminato dal totale dei positivi 6 casi, 5 duplicati e 1 già segnalato da altra regione, e ha segnalato che il numero odierno dei guariti comprende casi non precedentemente comunicati relativi al periodo aprile-maggio 2021. L’Emilia Romagna ha sottratto 3 casi, positivi a test antigenico ma non confermati da tampone molecolare, ed ha rettificato il dato sul numero complessivo di tamponi antigenici comunicato ieri: il dato corretto è 1.547.397 (-17.215 test antigenici).

La Provincia Autonoma di Bolzano specifica che tra i 10 nuovi casi confermati da test molecolare, 2 derivano da test antigenici successivamente confermati da PCR. Infine, la Regione Puglia ha segnalato che alcuni casi confermati da test antigenico, essendo stati successivamente confermati da test molecolare, sono stati riclassificati tra quest’ultimi.

Covid-19, bollettino: i numeri in Italia di giovedì 10 giugno

Aggiornato ieri dal Ministero della Salute sul proprio sito, lo stato dell’epidemia da Coronavirus diffusasi nel nostro Paese. Stando al bollettino, i casi di contagio complessivi erano saliti a 4.239.868.

Coronavirus
(Getty Images)

Risultava ancora in calo il dato relativo ai soggetti attualmente positivi pari a 169.309 e quello dei pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva626 in totale. Le persone guarite dall’inizio dell’emergenza erano 3.943.704. Il bilancio delle vittime in Italia saliva a 126.855.

La regione Abruzzo, si leggeva nelle note, eliminava un caso, in quanto già segnalato da altra regione. Inoltre, precisava che il dato dei guariti comprendeva casi non precedentemente comunicati dalle ASL relativi al periodo novembre 2020 – maggio 2021.
La Calabria comunicava che in data odierna erano stati registrati due decessi a domicilio, avvenuti nel mese di aprile. La Provincia Autonoma di Bolzano specificava che tra i 28 nuovi casi confermati da test molecolare, 10 derivavano da test antigenici successivamente confermati da PCR. La Regione Puglia segnalava che alcuni casi confermati da test antigenico, essendo stati successivamente confermati da test molecolare, erano stati riclassificati tra quest’ultimi. Infine, l’Umbria rendeva noto che i decessi comunicati (8) erano riferiti ai mesi precedenti.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>   Coronavirus, il bollettino del 10 giugno: 2.079 nuovi casi e 88 vittime

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di mercoledì 9 giugno

Il Ministero della Salute ha pubblicato mercoledì sul proprio sito l’aggiornamento relativo all’epidemia da Coronavirus diffusasi nel nostro Paese da oltre un anno. Stando ai dati, i casi di contagio complessivi dall’inizio dell’emergenza erano 4.237.790. Proseguiva il calo dei soggetti attualmente positivi pari a 174.935 e dei pazienti ricoverati in terapia intensiva661 in totale. Le persone guarite risultavano essere 3.936.088. Purtroppo si aggravava ancora il bilancio delle vittime giunto al totale di 126.767.

La Regione Abruzzo, si leggeva nelle note, segnalava che il dato dei guariti odierni comprendeva casi non precedentemente comunicati dalle ASL relativi ai mesi di aprile e maggio 2021. L’Emilia Romagna eliminava 1 caso dal totale, positivo a test antigenico ma non confermato da tampone molecolare.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>  Covid-19, il bollettino del 9 giugno: 2.199 nuovi casi e 77 vittime

Vaccino AstraZeneca, la decisione a breve: cosa succederà?

Dopo quanto accaduto alla 18enne di Genova, deceduta a seguito dell’inoculazione del vaccino AstraZeneca sul siero svedese si sono riaccesi i riflettori. A dover essere rivisto ora, il target della popolazione potenzialmente destinataria. Dietrofront, quindi, molto possibile sull’ipotesi di abbassamento della soglia ai soggetti tra i 40 ai 50 anni. AstraZeneca dovrebbe essere fortemente raccomandato solo agli over 60.

Ma su tale decisione potrebbe aprirsi uno spaccato. Cosa succederà ai cittadini che al disotto dei sessant’anni hanno ricevuto, però, la prima dose del vaccino svedese? Il Comitato tecnico Scientifico sta valutando la possibilità di somministrare un’altra tipologia di vaccino, possibilmente ad mRna. Ma sul punto la comunità scientifica si divide. Secondo alcuni non sarebbe un problema concludere il ciclo vaccinale con Astrazeneca dato che all’esito della sperimentazione – che poi ha portato alla sua approvazione- nessun caso di effetto collaterale, già di per sé rarissimo, si sarebbe registrato dopo la seconda dose.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Vaccino AstraZeneca, la decisione a breve: cosa succederà?

Pandemia: attesa risultati dell’Iss, possibile fascia bianca per sei regioni

Da lunedì 14 giugno sono ben sei le regioni che potrebbero passare in zona bianca. Il consueto monitoraggio dell’Iss atteso per oggi potrebbe fornirne conferma. A conquistare maggiori libertà lasciandosi il giallo alle spalle sarebbero – salvo nuove valutazioni- Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia e Provincia autonoma di Trento. Aumenterebbe quindi il novero, a cui si dovrebbero aggiungere nelle prossime settimane con ogni probabilità anche Basilicata, Calabria, Campania, Marche, Sicilia, Toscana e Provincia autonoma di Bolzano. Il loro passaggio, se i dati non dovessero subire stravolgimento, potrebbe avvenire il prossimo 21 giugno.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Pandemia: attesa risultati dell’Iss, possibile fascia bianca per sei regioni

Un quadro quello dell’Italia, dal punto di vista epidemiologico, in netto miglioramento che vede man mano – grazie anche alla speditezza della campagna vaccinale– una luce in fondo al tunnel.