Mahmood e la dolorosa decisione, il suo sfogo: “Provo un sentimento di abbandono”

L’artista è stato costretto a prendere una spiacevole decisione che lo ha portato a un duro sfogo nel quale si è rivolto anche ai politici del nostro Paese

Mahmood
Mahmood (Instagram)

Il settore dello spettacolo continua a subire le conseguenze della pandemia anche a distanza di quasi due anni. C’è chi ha tentato di ripartire, rispettando le direttive imposte dal Governo e chi invece non ha trovato il modo per farlo, poiché troppo incongruenti con le necessità del proprio lavoro. Uno su tutti il settore degli eventi dal vivo ha subito un forte danno e alcuni artisti non riescono a nascondere la frustrazione nata dall’impossibilità di tornare a organizzare concerti. È il caso di Mahmood che ha dovuto comunicare una spiacevole decisione riguardo al suo tour.

LEGGI ANCHE -> “Wake me up when September ends”, la frase ricorrente sui social che dovreste smettere di scrivere

Il duro sfogo di Mahmood: “È arrivato il momento di ascoltarci”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mahmood (@mahmood)

Ancora una volta Mahmood si ritrova a dover annunciare ai suoi fan di essere costretto a rimandare il suo tour per la terza volta. La frustrazione dell’artista nasce dalla consapevolezza che a differenza delle altre volte una soluzione parrebbe alla portata di tutti.

Oggi abbiamo a disposizione degli strumenti che permetterebbero di poter fare i concerti in sicurezza: i green pass“, scrive in un lungo sfogo postato sugli account social. “Guardo fuori dall’Italia e vedo che si può fare, evidentemente quando ci sono la volontà e l’attenzione verso un settore, le soluzioni si trovano“, dichiara.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Il Volo, i nuovi amori dei tre tenori: nomi inaspettati

Provo un forte sentimento di abbandono nei confronti delle istituzioni […] ci sentiamo soli, non considerati da uno Stato la cui maggior parte dei rappresentanti pensa solo a litigare sui social e a creare continuamente fazioni avverse tra le persone“. Le forti parole di Mahmood mirano a essere ancora una volta una richiesta di ascolto, in aiuto di un settore che sembra essere stato spesso dimenticato.

È giunto il turno dei nostri diritti, quelli degli artisti, degli addetti ai lavoro e del pubblico” -continua- “abbiamo il diritto di tornare a fare il nostro mestiere e chi ci segue ha il diritto di tornare a riempire la propria vita di arte, cultura e intrattenimento“.

LEGGI ANCHE -> Britney Spears, capitolo chiuso sulla tutela legale? La sorprendente decisione del padre

Mahmood
Mahmood (Instagram)

Abbiamo il diritto di essere ascoltati“, esclama a gran voce l’artista che ha sentito la necessità di esprimere le emozioni provate in questo delicato momento.