“Miss Italia” 1988, l’inizio di una nuova era: cosa accadde per la prima volta al concorso

Nadia Bengala Miss Italia 1988
Nadia Bengala e Fabrizio Frizzi a Miss Italia 1988 (Foto dal web)

Nata a Siracusa il 26 maggio 1962 sotto il segno del Toro, Nadia Bengala è stata eletta Miss Italia nel 1988. Presidente della giuria dell’epoca fu il regista televisivo e autore Gianni Boncompagni il quale, dopo pochi anni, sarebbe stato artefice del programma cult “Non è la Rai”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE — > Una bambina dagli occhi vispi oggi è una donna bellissima e una cantante strepitosa. La riconoscete dalla FOTO?

La vincitrice del concorso aveva 26 anni e risultava essere la meno giovane rispetto alle sue “rivali”. In precedenza aveva già partecipato ad alcuni programmi televisivi di un certo prestigio come il mitico “Ok il prezzo è giusto”, condotto da Iva Zanicchi.

Dopo qualche piccola parte ottenuta in film di secondo piano, ha mantenuto un legame con il piccolo schermo apparendo spesso in qualità di opinionista in diversi show. Si annovera anche un interesse in ambito politico essendosi candidata alle elezioni europee con La Destra e recentemente al Consiglio Comunale di Roma in occasione delle elezioni amministrative a sostegno del sindaco Virginia Raggi.

Riguardo la sua esperienza al concorso Nadia Bengala ha detto a distanza di anni: “Miss Italia m’ha illuso. Mi sono convinta che si potesse vincere facendo tutto da soli, senza spinte. Non è così? Io ho avuto freni a non finire, altro che spintarelle. Prima di tutto dagli uomini. Dicevano di amarmi, ma erano solo capaci di prendere. Appena avevo un’occasione la facevano saltare”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> “Comunque tu picchi duro…” Eva Riccobono, lo scherzo da parte de “Le Iene”

L’edizione del 1988 è ricordata nella storia della televisione per aver aperto l‘era della conduzione targata Fabrizio Frizzi. L’amatissimo e compianto presentatore ne prese le redini per ben quindici edizioni consecutive fino al 2002, per poi riprenderle nel 2011 e 2012. Legò indissolubilmente la sua fama e carriera alla manifestazione tanto cara agli italiani.