Bagnanti scorgono qualcosa affiorare dall’acqua: tragico ritrovamento in mare

Drammatico rinvenimento nelle acque di Cassano allo Ionio (Cosenza): stamane è stato trovato il corpo di un sub.

Avrebbero visto affiorare dall’acqua un corpo e si sarebbero precipitati a chiamare i soccorsi. Questo quanto accaduto stamane – domenica 1 maggio- ad alcuni avventori recatisi sulla spiaggia di Cassano allo Ionio (Cosenza) in un villaggio turistico tra Marina di Sibari e ai Laghi di Sibari.

YESLOVE LEGGI LA STORIA DELLA NOSTRA RUBRICA DEL CUORE. VAI QUI

Cassano dello Ionio trovato corpo sub
(Pexels – Pixabay)

Giunte sul posto le forze dell’ordine, avrebbero scoperto trattarsi del cadavere di un sub di 45 anni morto con ogni probabilità a seguito di un malore. Il pubblico ministero della Procura di Castrovillari, all’esito dell’ispezione medico legale, avrebbe deciso di restituire la salma alla famiglia senza disporre l’esame autoptico.

Cassano allo Ionio, dall’acqua affiora il cadavere di un sub: tragico rinvenimento

Cassano dello Ionio trovato corpo sub
(Ansa)

Apparteneva a Giuseppe Costa, 45 anni di Corigliano, il corpo privo di vita affiorato dalle acque di Cassano allo Ionio (Cosenza) in un villaggio tra Marina di Sibari e ai Laghi di Sibari.

Ad accorgersi della tragedia alcuni bagnanti che si trovavano sulla spiaggia intorno alle 11:30 e che hanno provveduto a contattare immediatamente le forze dell’Ordine.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Investito da uno scooter mentre era con il fratello: morto ragazzo di soli 14 anni

I Carabinieri della compagnia di Cassano – riportano fonti locali ed i colleghi della redazione de Il Quotidiano del Sud– avrebbero provveduto ad effettuare tutti i rilievi del caso e provare a rimettere insieme tutti i pezzi relativi alla dinamica dell’accaduto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Giallo in un appartamento, uomo trovato morto con una dubbia ferita alla testa

Secondo una prima ricostruzione l’uomo, che praticava sub, potrebbe aver accusato un malore fatale mentre si trovava in acqua. La corrente del mare avrebbe fatto il resto, trasportandone il corpo fino a riva dove poi è stato avvistato e scorto dal gruppo di avventori che ha chiamato aiuto.

Il procuratore di turno, la dottoressa Simona Manera, non ha disposto autopsia sulla salma. Sufficiente l’ispezione medico legale dalla quale non sarebbe emerso alcun critico elemento. Si sarebbe trattato di un decesso per cause naturali. Il corpo è stato restituito alla famiglia per la celebrazione delle esequie.