Uccide la madre con delle forbici, poi le da fuoco: insieme gestivano un bar

Carabinieri guadagni
Caserma carabinieri – Pixabay – YesLife.it

Un’esecuzione decisamente macabra, ha ucciso la madre con delle forbici poi ha cercato di darle fuoco: un vero shock 

Di Alessia Conte 

28 Novembre 2022 

Una vera tragedia, mai vista tanta ferocia

Ha ucciso la madre e poi ha tentato di darle fuoco, la tragedia si è consumata nella Marche, Michele Quadraroli di 56 anni si è scagliato con ferocia contro la madre Maria Bianchi di 82 anni. A diffondere la notizia sono i media locali che hanno ricostruito l’agghiacciante vicenda.

Ambulanza marche uccide madre
Ambulanza – Pixabay – YesLife.it

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: 

Il ragazzo ha problemi mentali

Michele Quadraroli è da diverso tempo in cura da uno specialista per problemi mentali, il 56enne dopo aver massacrato sua madre con delle forbici, ha tentato in tutti i modi di darle fuoco e far sparire il suo corpo. La tragedia si è consumata nel comune di San Severino Marche, Provincia di Macerata. 

Mamma e figlio gestivano un bar in paese era molto frequentato e tutti li conoscevano e li apprezzavano per il lavoro quotidiano che svolgevano con grande passione. Michele ha ucciso sua madre nel loro appartamento, in via Raffaello, la strada adiacente alla caserma dei carabinieri, che una volta appreso della tragedia si sono precipitati sul luogo del delitto.

A quanto pare il 56enne avrebbe aggredito la madre in camera da letto e l’avrebbe finita in bagno. 

Un paese sotto shock, diversi messaggi di cordoglio

Il paese è sotto shock, tutti salpavano che Michele avesse dei problemi psichici ma nessuno avrebbe immaginato un simile epilogo per sua madre Maria che gli è stata accanto fino alla fine. Diversi sono i fiori ed i messaggi di cordoglio che amici e conoscenti hanno lasciato fuori l’abitazione dove si è consumata la tragedia.

Medicine raffreddore
Medicine – Pixabay – YesLife.it

Le cure del caso per il ragazzo

A dare l’allarme ai carabinieri e al 118, intervenuta per constatare il decesso dell’anziana signora, è stato il medico di Michele che da molto tempo lo aveva in cura il quale è stato avvertito telefonicamente dallo stesso.

Il 56enne è stato accompagnato in caserma anche con un avvocato per la deposizione, si ipotizza che Quadraroli non avesse preso solo le medicine prescritte per i suoi problemi mentali ma che essendo influenzato da alcuni giorni abbia assunto anche altri farmaci.