Antonio D’Amelio, morto a 15anni: l’ospedale lo aveva dimesso

E’ morto Antonio D’Amelio, un ragazzo di 15 anni originario di Benevento, l’ospedale nel quale si era fatto visitare l’aveva dimesso.

Di Alessia Conte 

06 Dicembre 2022

Necrologio
Necrologio – Screenshot web – YesLife.it

La storia di Antonio D’Amelio ha sconvolto un’intera comunità, il giovane di 15 anni è stato dimesso dall’ospedale dove nel quale si era recato per un malore, dopo poco è morto. La perdita di questa giovane vita è stato uno shock, famiglia, amici, parenti, il paese, sono tutti scossi e si cerca di capire come sia potuto accadere.

Su Facebook i messaggi di cordoglio sono a centinaia, “Non doveva andar così, questa è una tragedia”, “Giustizia per Antonio, solo giustizia”, “Non dovevi lasciarci così presto”, questi sono solo alcuni dei pensieri che i conoscenti di Antonio gli hanno riservato.

Una tragedia, un caso di malasanità?


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: 

Antonio si era recato all’ospedale in quanto accusava un fortissimo dolore allo stomaco, viveva a Montesarchio in provincia di Benevento ed è morto nella giornata del 5 dicembre. Dopo una prima visita presso il nosocomio, il 15enne è stato dimesso, nella notte però è stato nuovamente male, il dolore era lancinante ed è morto in pochi minuti, i sanitari del 118 intervenuti sul posto non hanno potuto far altro che constatarne il decesso, per il giovane non c’è stato nulla da fare, nonostante i numerosi tentativi di rianimazione.

Una tragedia che ha sconvolto l’intera cittadina, Antonio era molto conosciuto, frequentava il terzo anno del Liceo Musicale all’istituto Lombardi. “Questa morte è disumana, ma insieme possiamo solo che il dolore ci renda migliori“, scrive il parroco Don Liberato Maglione in un post su Facebook.

Anche l’istituto scolastico che frequentava ha voluto ricordare Antonio con dolci parole: “La Comunità scolastica dell’ISTITUTO LOMBARDI, attonita e affranta, si stringe con un addolorato abbraccio alla famiglia di ANTONIO D’AMELIO, alunno della Terza Liceo Musicale, che improvvisamente e inaspettatamente torna alla dimora Eterna e prega il Padre Celeste perché doni , a chi rimane nel dolore, speranza e conforto”.