Covid-19, aggiornamento Borrelli: 54.030 positivi, 6.821 vittime e 8.326 guariti

Angelo Borrelli oggi, martedì 24 marzo ha reso noto l’ultimo aggiornamento in merito ai numeri di decessi, contagiati e guariti da nuovo coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore.

Il commissario per l’emergenza, Angelo Borrelli, nella consueta conferenza stampa giornaliera ha aggiornato il bollettino dell’epidemia di coronavirus in Italia ad oggi, martedì 24 marzo. Borrelli, nel corso della conferenza stampa, ha reso noto che il numero dei soggetti attualmente positivi che ha raggiunto i 54.030 ossia 3.612 in più rispetto a ieri. Si aggrava il bilancio delle vittime, ad oggi 6.821, cioè a dire 743 decessi nelle sole ultime 24 ore. Cresce parallelamente anche il numero dei guariti giunto a 8.326, 894 in più rispetto a lunedì.

L’aggiornamento di Angelo Borrelli in conferenza stampa: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di lunedì 23 marzo

Angelo Borrelli, nella giornata di ieri ha riferito che i casi positivi nel nostro Paese erano in totale 50.418. I contagi complessivi erano saliti, invece, a 63.927. Aumentate anche le vittime salite a 6.078. Risultava cresciuto anche il numero dei guariti giunto a 7.423.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, aggiornamento Borrelli: 63.927 contagi, 6.078 vittime e 7.423 guariti

Angelo Borrelli, l’aggiornamento sui numeri del Covid-19 domenica 22 marzo

Quanto alla giornata di domenica 22 marzo, Borrelli aveva riferito che i soggetti positivi al Covid-19 in Italia erano 59.138. Le vittime 5.476. I guariti erano, invece, 7.024.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, Borrelli: 59.138 contagi, 5.476 e 7.024 guariti

Guido Bertolaso positivo al Covid-19: “Vincerò questa battaglia”

Sono positivo al Covid-19. Quando ho accettato questo incarico sapevo quali fossero i rischi a cui andavo incontro, ma non potevo non rispondere alla chiamata per il mio Paese. Ho qualche linea di febbre, nessun altro sintomo al momento. Sia io che i miei collaboratori più stretti siamo in isolamento e rispetteremo il periodo di quarantena. Continuerò a seguire i lavori dell’ospedale Fiera e coordinerò i lavori nelle Marche. Vincerò anche questa battaglia“. Con queste parole Guido Bertolaso ha comunicato di essere risultato positivo al coronavirus. Nonostante ciò ha precisato che non abbandonerà le attività chiamato a svolgere dal Paese. Lo farà stando in quarantena.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Bertolaso | “Ho il Coronavirus | vincerò questa battaglia” FOTO

Covid-19, operatore onoranze funebri della provincia di Bergamo: “Siamo al collasso

Sono ancora negli occhi di tutti le immagini dei camion dell’esercito che trasportano da Bergamo in altre regioni i feretri delle vittime del coronavirus. La provincia bergamasca è ad oggi la più colpita dall’epidemia e da settimane le imprese di onoranze funebri stanno lavorando senza sosta per far fronte alle numerose vittime. Un operatore della Media Valle Seriana ha raccontato il dramma di queste settimane in un’intervista alla redazione de L’Eco di Bergamo.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, operatore onoranze funebri della provincia di Bergamo: “Siamo al collasso”

Muoiono i contagiati: la paura dei parenti delle vittime

Muoiono sole le persone contagiate da Covid-19 e sole restano anche dopo il tragico momento della morte. I corpi vengono immediatamente sigillati nelle bare dopo il decesso e trasportate nelle camere mortuarie dell’ospedale. Lì restano per giorni prima che ne venga effettuato il riconoscimento da parte dei familiari che temono il contagio. Questo, riporta la redazione de La Provincia Pavese, quanto accade nei territori di VigevanoVogheraStradella e Pavia. A Vigevano la camera mortuaria è sempre piena, i posti sono pochi, mentre a Voghera è stato allestito uno spazio dedicato ai defunti che invece riesce ad accogliere tutte le salme anche nei giorni di picco.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Muoiono i contagiati: la paura dei parenti delle vittime

Covid-19, vicina rimprovera un runner: la folle reazione dell’uomo – VIDEO

Un incredibile episodio si è registrato nelle scorse ore a Montesilvano, comune in provincia di Pescara, in Abruzzo. Secondo quanto riportato dalla redazione di Leggo che ha pubblicato il filmato, un uomo intento a svolgere degli allenamenti fuori di casa, dopo essere stato rimproverato dalla vicina che lo invitava a rientrare a casa, data l’emergenza coronavirus, si è avventato sulla macchina della donna. Brandendo un martello (o forse una spranga di ferro) e gridando ha iniziato a colpire ripetutamente il veicolo della donna che si trovava parcheggiato sotto l’abitazione. Al folle gesto, documentato da un video ripreso dalla proprietaria della vettura o da un parente e pubblicato da Leggo, si sono aggiunte minacce urlate dal runner mentre la donna in lacrime lo implorava di fermarsi.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, vicina rimprovera un runner: la folle reazione dell’uomo – VIDEO

Covid-19, in calo il numero dei contagiati e le vittime

I contagi ed i numeri delle vittime pare abbiano subito una leggera deflessione. Un dato che fan ben sperare, ma che non deve far abbassare la guardia. Sul punto si è espresso il virologo Giovanni Di Pierri, il quale ha affermato: “Il rischio è di allentare troppo presto le misure, il virus ne potrebbe approfittare e creare una seconda emergenza più grave”. A destare in lui preoccupazione è il momento in cui la curva dei contagi inizierà a scendere sensibilmente. “Sarà il momento più delicato e critico. Quando tutto questo sarà finito, dovremo ripensare a come riorganizzare il comparto sanitario. Non potrà più essere come prima“.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, in calo il numero dei contagiati e le vittime